Processione del Venerdì Santo 2017


La processione del Venerdì Santo a Montefiore Conca è una tradizione che si ripete ogni anno, un rito antichissimo le cui origini si perdono nel tempo. Non è la tradizionale via Crucis, ma la deposizione del Cristo morto. In religioso silenzio la processione parte dall’alto del monte Auro, luogo simbolico del Golgota per scendere verso il paese illuminata solo da fiaccole e fuochi accesi lungo il percorso. Si porta la statua del Cristo morto dal Golgota al sepolcro. Questa statua è antichissima, ogni venerdì santo, alla mattina viene lavata con il latte. Ogni cappa, ogni personaggio della processione rappresenta una famiglia. Il ruolo viene tramandato di generazione in generazione. Anche se alcune famiglie con il passare del tempo si sono trasferite lontane da Montefiore( Milano, Roma, Bologna) il venerdì santo è un appuntamento a cui nessuno dice no. La processione viene rappresentata ogni anno, da sempre, anche se durante il giorno piove, o addirittura nevica, la sera smette, e la processione scende come da tradizione percorrendo tutte le vie. Non è stato saltato mai un anno, anche durante la seconda guerra mondiale la processione si è svolta.
Inizia con una cappa nera che suona la tarabaccola, a seguire la compagnia della Buona Morte, i soldati Romani, Ponzio Pilato, Barabba, le tre Marie, i tre Apostoli, Giuda, il sommo sacerdote Caifa, gli angeli (ogni montefiorese da piccolo ha fatto l’angelo, ed ogni anno i bambini si emozionano nel parteciparvi) ) che portano i misteri della passione di Cristo, ed infine il Cireneo con la cappa rossa che porta la croce di Cristo. La banda segue la processione suonando la Marcia funebre di Chopin. Unica ricompensa per i personaggi? Il pane benedetto. La processione scendendo dal monte Auro arriva nella chiesa parrocchiale di San Paolo, dove il prete fa una breve predica, riflettendo sul significato del Venerdì Santo, poi si riparte arrivando alla chiesa dell’Ospedale che rappresenta il sepolcro. Viene fermata la statua del Cristo morto nel mezzo di questa piccola chiesa sconsacrata e tutti i visitatori si apprestano al bacio del Cristo, si bacia la statua, anche questa è tradizione.
La processione si svolgerà venerdì 14 aprile 2017 ore 21.15 a Montefiore Conca.
Info 348 1042158

 

PRESEPE VIVENTE 2016


IL PRESEPE VIVENTE

L’immenso lavoro per il Presepe Vivente parte due mesi prima. Ogni sera, tutti insieme, stanchi dopo una  giornata di lavoro, al freddo, ma con entusiasmo e coraggio un numeroso gruppo di Montefioresi si mette al lavoro ! Costruire capanne ,piallare, battere chiodi, raccogliere arbusti, aprire vecchi scantinati, creare nuovi ambienti costruiti esclusivamente con drappi e tessuti , inventare grate, prigioni, osterie, recinti per asini e pecore, il villaggio dei pescatori e poi ancora creare tavolette di cera per i bambini, un  tornio costruito in esclusiva per il vasaio, scolpire nel legno e nella pietra, fondere oro per creare gioielli, e tante altre novità nate dalla fantasia e la grande voglia di stupire !!!!  Un presepe che ha destato in tutti sorpresa ed ammirazione !!!!! L’ingresso è dalla Porta Curina e si procede attraverso un percorso ben segnato lungo le strette stradine del borgo sottostante la nostra Rocca. L’odore del pane appena sfornato, dell’incenso, delle spezie del mercato, si unisce al fumo dei tanti fuochi che segnano il percorso. Il ciabattino, il falegname, il battifalce, il maniscalco, i boscaioli, gli scultori, gli orafi, insieme a numerose scene di vita quotidiana ! Arrivati alla fortezza, attraverso frequenti presidi di soldati si giunge alla sala del Trono dove si trova Erode. Un suono delicato e armonioso che esce dalle corde di un’arpa celtica ,abilmente sfiorate, invade l’ambiente. Lui in fondo alla sua stanza ,con la sua superba corona, da vero re attorniato da cortigiani distesi su sfarzosi triclini e da odalische danzanti , protetto nelle sue lussureggianti stanze oltre che dalle sue  guardie anche da due bellissimi levrieri fedelmente sdraiati ai suoi piedi, assapora calici di nettare e dolcissimo miele  !!!! Ed ancora un Senato romano, le terme con le matrone al bagno. Fuochi , mendicanti, un lebbrosario e tanti bambini, animali, non un angolo vuoto, non uno spazio libero, tutto sapientemente curato anche nei minimi particolari . Una vera Betlemme con la sua cometa che indica il cammino agli immancabili Re Magi . Un mondo che ogni anno rivive sempre più autentico ed attraente, sempre più vero e commovente, il presepe torna a stupire e rinnovare dentro di noi quello straordinario miracolo della Natività ! Una natività perfetta dentro quella stalla che é simbolo estremo di povertà e di umiltà ! Lui il Re dei Re, Nostro Signore ,con Maria e Giuseppe, scaldato da un bue ed un asinello, simbolo della nostra fede ed esempio per l’umanità intera dei valori che da 2016 anni trasmettiamo e tramandiamo alle generazioni future, piccolo nelle sue povere vesti sorride serenamente a tutti. Sembra ancora mancare qualcosa, qualcosa di magico che rende l’atmosfera unica ed accompagna come sempre ogni evento, il suono delle zampogne !!!! Ebbene sì, ci sono  anche loro i nostri tre impareggiabili zampognari, tre nostri concittadini che ogni anno rendono l’atmosfera del Presepe unica con il suono inimitabile dei loro strumenti musicali !!!!! Tutto, c’è proprio tutto, una vera Betlemme rivisitata in modo attento e sapiente, con grande semplicità ma anche con tanta professionalità !!!! Tutto  al posto giusto, tutto sembra vero come 2016 anni fa.

Montefiore Conca vi aspetta per farvi vivere Emozioni senza Tempo

Il 26 Dicembre 2016 e il 1 Gennaio 2017  dalle ore 17.30 alle ore 20.00

Teniamo a precisare che le date del Presepe Vivente sono due, il 26 dicembre 2016 ed il 1 gennaio 2017 dalle ore 17.30 alle 20.00 (inoltre se in una di queste due date fosse brutto il tempo, verrà recuperato il 6 gennaio 2017 dalle ore 17.30 alle 20.00)

(In caso di maltempo replica il 6 Gennaio 2017 dalle ore 17.30 alle ore 20.00)

Costo biglietto euro 4.00 (bambini fino a 10 anni gratis)

Info mail:  montefioreconcainfo@gmail.com

Telefono 348 1042158

presepe-vivente-2016-manifesto